Per musei SMART

Un approccio innovativo nella gestione dei musei consente di: ridurre i costi, valorizzare l’esposizione delle opere, razionalizzare i flussi dei visitatori e migliorare la loro user experience.

Per musei SMART

Monitoraggio tramite sensori

La valorizzazione della collezione e delle mostre è un obiettivo strategico di tutti i musei. I più innovativi centri espositivi raccolgono dati sugli interessi e sulle abitudini dei visitatori e utilizzano parametri oggettivi per misurare il potere attrattivo (performance) del loro patrimonio artistico. Tramite sensori è possibile:

  • monitorare le entrate e le uscite alle varie sale
  • misurare quanto tempo i visitatori dedicano a ciascuna sala
  • scoprire quali aree del museo catturano di più l'interesse generale
  • definire uno “spot di attenzione” di fronte a un’opera d’arte per determinare il suo potere attrattivo.

Tracciando i percorsi dei visitatori in maniera così analitica è possibile razionalizzare i flussi di entrata, in modo che i visitatori si distribuiscano lungo il percorso espositivo senza sovrapposizioni. Inoltre si ottimizzano i tempi di attesa e si razionalizzano i lay out espositivi.

Riconoscimento facciale

Le telecamere per il riconoscimento facciale hanno aperto un’innovativa sfida: captare le reazioni emotive di una persona di fronte a un’opera d’arte (curiosità, disgusto, interesse, sorpresa, gioia…).

Installando una telecamera sopra il capolavoro da monitorare è possibile determinare oltre a sesso, età, etnia di appartenenza del visitatore, anche su quali parti dell’opera si sofferma maggiormente il suo sguardo. Questi dati non hanno valore solo per il museo che effettua la misurazione e per la sua strategia di comunicazione.

  • Un artista, ad esempio, ha la possibilità di toccare con mano le dinamiche emozionali suscitate dall'opera nel pubblico (e verificare se corrispondono alla sua intenzione).
  • Un performer può monitorare in tempo reale il coinvolgimento emotivo del pubblico nel corso della performance.
  • Uno storico dell’arte può approfondire il diverso impatto emotivo che un’opera d’arte esercita a seconda del sesso, dell’età o dell’appartenenza etnica dello spettatore.

Sensori biometrici

Soluzione ancor più avveniristica quella che utilizza i sensori biometrici per tracciare:

  • il battito cardiaco
  • la temperatura corporea che varia, in alcune zone della faccia, a seconda delle emozioni
  • il tono di voce del visitatore registrata tramite microfoni (non si traccia ciò che dice, ma come si dice).

Incrociando i dati biometrici, con quelli raccolti tramite il riconoscimento facciale si costruiscono profili utente utili a impostare la strategia di comunicazione e a definire esposizioni temporanee allineate alle aspettative del proprio target.

In un prossimo futuro, inizieremo a classificare i musei (e le loro opere principali) non solo in base al numero dei visitatori e ai biglietti venduti, ma anche in termine di impatto emozionale e educativo profuso.

Light design

Un museo SMART non può infine trascurare il fatto che l’illuminazione tradizionale può banalizzare l’arte. I Led di ultima generazione, invece, consentono di valorizzare i capolavori esposti: rendono al meglio i colori, restituiscono profondità alle pennellate, mettono in risalto le tecniche utilizzate dagli scultori per creare sistemi di ombre. I Led garantiscono anche:

  • un notevole risparmio energetico
  • un alto indice di resa cromatica, con elevato comfort visivo
  • il controllo del fascio luminoso (luce intelligente solo dove e quando serve).
In questa sezione
Informative correlate
Opera del Duomo di Siena: gestione intelligente del flusso visitatori
Opera del Duomo di Siena: gestione intelligente del flusso visitatori Per l’Opera della Metropolitana di Siena ci abbiamo progettato, installato e collaudato un sistema di monitoraggio in tempo reale dei visitatori presenti in varie aree del complesso (Museo, Sala della Maestà di Duccio da Boninsegna…). Scopri di piĆ¹